Frammenti

I

A chi è destinato il nostro blaterare,
Per quanto si possa trasformare,
Per quanto ci possa cambiare?

Il tuo cervello fa la ruota
Pavoneggia per ciò che compone.
Crederà infine alla necessità
Che tutt’altro significhi ciò che propone,
Il suo ostinato tentare, il suo amore.
Saprà in tempo, con stupore,
Che ogni tradimento è pur sempre creazione?

II

Si muove nube beata
Nell’ora fresca serale
Quando stendevi bambino
Il tuo corpo, il caldo sentivi
Del prato svanire.

Sfiorisce il tuo tardo crepuscolo
Per me e per ognuno
Che possa descriverlo,
Per te e per qualcuno
Che possa afferrarlo.

III

Ci rubavamo l’un l’altro gli stracci
Nella serata inconsolabile
Nello scompartimento strapieno.

Fare chiasso era il nostro dovere
– Anime stanche ammalate –
Infastidire il nostro prossimo
Diventava mestiere.

Eravamo bestie in torride galere,
Fumava il nostro treno sgangherato
Che ci trainava nel vuoto
Senza un futuro, un passato.
Al nostro collo mai un laccio allentato.

IV

L’ingiallita carta
Di questo libro che stringi
– Ricordati –
E’ stata il sogno
Di pomeriggi spenti,
Il pensiero maligno
Di un viso che sbianca
Di una parola che stinge.

Ivan Fassio

Annunci

One Response to Frammenti

  1. natàlia castaldi ha detto:

    bellissimi questi frammenti! E’ bello leggerti.
    n.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: