Da appunti abbandonati

 

 

Sudore d’un tempo e malattia :

 

L’incedere della carne

 

Lento nella memoria preme

 

(D’un tratto sipario s’apre di follia).

 

 

Da anni costretto al letto

 

Da anni una stampella regge,

 

Protegge da una scossa.

 

Accende una tua malinconia.

 

 

 

Ivan Fassio

 

 

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

 

Ammirazione come religione

 

Lascia porte aperte

 

Agli sbuffi di stagione.

 

 

Ti fissa da lontano

 

Un essere umano – incappucciato? –

 

Nel suo occhio inginocchiato

 

Un monaco ha pregato.

 

 

 

Ivan Fassio

 

 

 

 

Annunci

One Response to Da appunti abbandonati

  1. Rina A ha detto:

    I primi due versi del primo testo sono di una vitalità forte e fanno da contraltare ai seguenti.
    Molto toccanti..
    Ciao, Ivan 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: