Mangiavamo appena una pagnotta, qualche fico – una cena nel cortile in piedi, un calcio al cane che latrava. Sapevamo di non valere, quasi ce ne vantavamo, rozzi eravamo, e ignoranti, per scelta d’indolenza. 

Risplendevano le posate d’argenteria nei salotti che non conoscevamo, mentre gli importanti sceglievano parole in italiano che, solo a sentirle, ce ne saremmo vergognati. I nostri padroni, poi, erano quasi come noi, lesinavano sul vestire, si presentavano uguali ogni giorno, soltanto l’aria era quella delle loro proprietà.                                                                                        Non saper parlare era il nostro più forte vantaggio su chiunque altro al mondo: accendere una sigaretta nell’umida sera, sentire sulla frusta camicia un vento che inizia a rinfrescare, e il sorriso sapiente, appena accennato, per non voler spiegare a nessuno cos’eravamo capaci d’immaginare.

 

 

 

 

Annunci

One Response to

  1. Marco Gai ha detto:

    Non saper parlare era il nostro più forte vantaggio su chiunque altro al mondo: accendere una sigaretta nell’umida sera, sentire sulla frusta camicia un vento che inizia a rinfrescare, e il sorriso sapiente, appena accennato, per non voler spiegare a nessuno cos’eravamo capaci d’immaginare.

    Grande Ivan!!! Da proporre a scuola,
    Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: